HomeHome
Chi SiamoChi Siamo
EventiEventi
FotovoltaicoFotovoltaico
EolicoEolico
Solare TermicoSolare Termico
Impianti a BiomassaImpianti a Biomassa
Album FotograficoAlbum Fotografico
Richiesta InformazioniRichiesta Informazioni
Segnala ad un ConoscenteSegnala ad un Conoscente
Come RaggiungerciCome Raggiungerci
Rassegna StampaRassegna Stampa
DownloadDownload

PIRRINI PAOLA ENERGIA S.R.L.

via San Giorgio 5755 loc. Bagnile,
47023 Cesena (FC)
tel: 0547 353041
fax: 0547 379234
email: info@pirrinipaola.it
P.I.03634500403

Impianti a Biomassa
 

Le biomasse comprendono vari materiali di origine biologica, scarti delle attività agricole riutilizzati in apposite centrali termiche per produrre energia elettrica. Si tratta generalmente di scarti dell'agricoltura, dell'allevamento e dell'industria. Possono infatti essere usati come biomasse:

  Legname da ardere;

  Residui agricoli e forestali;

  Scarti dell'industria agroalimentare;

  Reflui degli allevamenti;

  Rifiuti urbani;

  Specie vegetali coltivate per lo scopo;

Trarre energia dalle biomasse consente di eliminare rifiuti prodotti dalle attività umane, produrre energia elettrica e ridurre la dipendenza dalle fonti di natura fossile come il petrolio. Una fonte di energia pulita su cui l'UE ha deciso di investire al pari dell'eolico.
Oltre ai materiali di recupero possono essere pianificate coltivazioni dedicate al fine di produrre biomasse utili per la produzione combinata di calore ed energia elettrica.
In Italia gli impianti a ciclo breve di specie legnose (pioppo, salice, robinia pseudoacacia ed eucalipto ) sono ancora a livello sperimentale e stentano a decollare per due motivi principali: la carenza di incentivi agli agricoltori nelle maggiori spese da sostenere per l'impianto e la manutenzione di tali coltivazioni, e la difficoltà all'interno delle aziende agricole stesse ad adeguare il parco macchine necessario alla raccolta di questa tipologia di biomasse.
In realtà la potenzialità sarebbe interessante: degli oltre 2 milioni di ettari di terreni ex-agricoli ormai abbandonati, almeno 500 mila potrebbero essere destinati per tali coltivazioni, con una produttività di 6 milioni di metri cubi, vale a dire, in termini energetici, quasi 2 Mtep.

 
© copyright 2001-2017 www.pirrinipaola.it