HomeHome
Chi SiamoChi Siamo
EventiEventi
FotovoltaicoFotovoltaico
EolicoEolico
Solare TermicoSolare Termico
Impianti a BiomassaImpianti a Biomassa
Album FotograficoAlbum Fotografico
Richiesta InformazioniRichiesta Informazioni
Segnala ad un ConoscenteSegnala ad un Conoscente
Come RaggiungerciCome Raggiungerci
Rassegna StampaRassegna Stampa
DownloadDownload

PIRRINI PAOLA ENERGIA S.R.L.

via San Giorgio 5755 loc. Bagnile,
47023 Cesena (FC)
tel: 0547 353041
fax: 0547 379234
email: info@pirrinipaola.it
P.I.03634500403

Eolico
 

Il vento è una delle principali fonti rinnovabili di energia. Da miliardi di anni il sole riscalda la terra e questa rilascia il calore nell'atmosfera. Un fenomeno che non avviene dappertutto allo stesso modo. La superficie marina, ad esempio, impiega più tempo a riscaldarsi rispetto alla superficie terreste. Nelle zone dove viene rilasciato meno calore (es. le superfici marine), le zone più fredde, tende ad aumentare la pressione. Nelle zone più calde, viceversa, la pressione tende a ridursi. L'aria delle zone ad alta pressione tende a spostarsi verso le zone a bassa pressione, generando il "vento". L'aria più calda tende a muoversi verso l'alto lasciando dietro a sè una zona di bassa pressione. L'aria calda, una volta in alto, si raffredda per poi ricadere verso il basso nelle zone fredde marine. Questo movimento verso il basso genera una spinta dell'aria fredda marina verso le zone di bassa pressione in direzione della terraferma. Le caratteristiche morfologiche del territorio e dell'ambiente influiscono sulla direzione e sulla potenza del vento. Ad esempio boschi e montagne riducono la potenza del vento, come anche gli edifici delle grandi città. Per questa ragione gli impianti eolici sono localizzati soltanto in alcune zone e non sono invece distribuiti sull'intero territorio. Le pale delle macchine eoliche vengono messe in rotazione dal movimento dal vento. L'energia così ottenuta può azionare generatori elettrici (in questo caso si dicono aerogeneratori) o azionare macchine operatrici quali ad es. le pompe (in questo caso si dicono aeromotori).
Le pale del rotore sono generalmente fabbricate in fibra di vetro e possono ruotare ad una velocità anche di 200 km/h spinte solo dal vento. Gli aerogeneratori di nuova generazione montano uno standard di 3 pale ma non sono esclusi prodotti meno costosi a 1-2 pale ma anche meno efficaci. La velocità delle pale è controllata da un "sistema di controllo" che svolge principalmente due funzioni:
  moltiplica i giri per rendere il movimento delle pale almeno sufficiente per generare energia elettrica ("moltiplicatore di giri");
  frena o blocca i giri delle pale in caso di sovraccarico e quando la forza del vento supera un determinato fattore critico ("sistema frenante").

 
© copyright 2001-2017 www.pirrinipaola.it