HOME

IL PARCO

 Eco Progettazione
 Produzione di Energia
 Ricerca e Sperimentazione
 Educazione Ambientale
 Ambiente e Territorio
 0Sociale ed Economico

LE VISITE

 0Gli Impianti
 Programma Didattico
 Attivita' Didattiche 

SUGGERIMENTI

 Idee Sul Parco

INFORMAZIONI

 Richiedi Informazioni
 Contatti

DOCUMENTAZIONE

 0 Modulo Registrazione

www.pirrinipaola.it

LA PROGETTAZIONE COMPATIBILE CON L'AMBIENTE

L' Eco-Progettazione, o Progettazione Eco-compatibile, è l'integrazione di considerazioni ambientali nella fase di progettazione al fine di migliorare l'impatto ambientale dei prodotti e massimizzare la sostenibilità della rete della vita.

L'impatto sull'ambiente dei prodotti che utilizzano energia prende varie forme, come il consumo di energia e il relativo negativo contributo al cambiamento del clima, il consumo di materiale e le risorse naturali, la produzione di scarti e il rilascio di sostanze nocive.

Di fatto però l'Eco-Progettazione è molto di più:
1. Ricerca degli spazi adeguati all'ambiente circostante
2. Tentativo di salvare le tipicità regionali
3. Lenta ricostruzione del verde agricolo e/o paesaggistico

L' HABITAT NATURALE DI P.E.S.E.A.

L'Eco-progettazione di P.E.S.E.A. prevede la Progettazione Bioclimatica, il Rispetto della Biodiversità e dell'Ambiente e una Rete di consumo consapevole. Attraverso la coltivazione di piante autoctone all'interno del Parco si ricrea l'originale habitat naturale. Alcune di queste piante sono:

Farnia - Quercus Robur - La Farnia è la quercia più diffusa in Europa, con un areale che và dalla Scadinavia a tutto il Mediterraneo, Inghilterra compresa. E' specie molto longeva (800 anni) e formava insieme con il Carpino bianco e il Cerro le vaste foreste che ricoprivano una volta la Pianura Padana. Si riconosce per le foglie obovate , grandi con incisioni poco profonde Con due orecchiette alla base che ricoprono il corto picciolo e per le ghiande, in gruppi di due quattro su di un lungo peduncolo. Il legno della Farnia, è il più pregiato di tutte le querce, impiegato soprattutto nella costruzione di mobili pregiati.

Noce - Juglans Regia - Pianta di origini antichissime, proveniente dalle regioni dell' Asia sud-occidentale. È un albero molto vigoroso, che può raggiungere anche i 30 metri d'altezza. Ha foglie caduche, ogni foglia è composta da 5-7-9 foglioline con superficie liscia. Resiste bene al freddo pur prediligendo climi miti e non troppo umidi. La zona ideale è la collina con altitudini non superiori ai 600-800 metri,è molto diffusa anche la coltivazione in pianura, dove la maggior parte delle piante è destinata alla produzione del pregiatissimo legno.

Olmo - Ulmus Campestris - Albero tradizionale del paesaggio agrario italiano, veniva addirittura usato come sostegno vivo (maritato) per le viti dagli antichi Romani. Le fronde erano usate come cibo per il bestiame. Dioscoride citava una minestra di foglie novelle d'olmo. Le samare giovani si consumavano in insalata (1850) e i "semini", chiamati "pan di maggiolino", venivano sgranocchiati dai bambini che andavano a scuola. Columella li suggeriva infine per favorire la lattazione.

I PERCORSI DI P.E.S.E.A.

I percorsi delle Acque all'interno di P.E.S.E.A. saranno un altro punto di attrazione e divertimento sia per grandi che per piccoli. Un piccolo invaso di circa 2.300 m3 raccoglierà le acque piovane, un impianto di fitodepurazione fornirà acqua alla vegetazione, permettendo allo stesso tempo il funzionamento di una microturbina per la produzione di Energia. Il percorso dell’acqua lungo tutto il parco arriverà fino ai due laghetti e grazie all’energia pulita prodotta, con simpatici giochi d’acqua, ritornerà in circolo all’interno del parco.

L' "ECO-CARPE DIEM"

La progettazione di P.E.S.E.A è il risultato di un lavoro di diverse figure professionali: ingegneri, geometri, architetti, agricoltori e vivaisti della zona studiano il terreno, le tipologie di piante, il paesaggio facendo anche sopraluoghi con strumentazione adeguata.
L'OBIETTIVO primario del parco è l'AUTOSOSTENIMENTO e la progettazione viene realizzata sempre in funzione di uno Sviluppo Sostenibile tale da creare un vero equilibrio fra Elementi ecologici, sociali ed opportunità economiche.

Planimetria Generale P.E.S.E.A.
click sull'immagine per ingrandire

Come si nota dalle foto, sono già presenti gli impianti (fotovoltaico ed eolico), molti edifici (aula didattica, uffici, sala conferenze, ecc..), alcune piante già ricreano l'habitat, tanto che presto porteranno alla migrazione spontanea degli animali del posto. Ma oltre a tutto questo nella planimetria si nasconde anche un po' di quella che è la "filosofia" oraziana del carpe diem. Con "ECO-CARPE DIEM" intendiamo esprimere un concetto che collega passato-presente e futuro. Infatti dietro questo grande lavoro di progettazione nel rispetto dell'ambiente c'è anche la razionale considerazione che :
1.IL PASSATO come FORZA della cultura è il primo punto di partenza.
2.IL PRESENTE come ESPRESSIONE della libertà dell'uomo che può intervenire, cercando di cogliere le occasioni e le opportunità che gli vengono offerte o che si crea da solo.
3.IL FUTURO ..quam minimum credula postero.. ma grazie ad una costruzione attenta e responsabile del proprio presente l'uomo può assicurarsi un benessere duraturo, salvaguardando anche l'ambiente.

 
© copyright 2001-2019 www.pirrinipaola.it